Ultima modifica: 16 novembre 2020

Codice di comportamento

Codice di comportamento e norme disciplinari del personale della scuola

Si rende noto a tutto il personale che ciascun dipendente è tenuto a conoscere e osservare le norme di comportamento e i doveri contenuti nei codici di comportamento, norme di legge e norme contrattuali attualmente in vigore in Italia nel settore dell’istruzione, così come descritti poco sotto con l’indicazione dei relativi allegati. Codici, doveri, infrazioni e sanzioni sono pubblicati sul sito della scuola e ciò equivale a tutti gli effetti alla sua affissione all’ingresso della sede di lavoro; sono anche inviati in modo personale a ciascun dipendente mediante posta elettronica.

Inoltre, si fa presente che è stato approvato con D.M. n. 525 del 30 giugno 2014 il Codice di Comportamento dei Dipendenti del MIUR, registrato alla Corte dei Conti il 22/09/2014 al Foglio n. 4186, che si allega alla presente nota. Il predetto Codice di Comportamento dei Dipendenti del MIUR, in ottemperanza a quanto previsto dall’art.54 del D. Lgs. n. 165/2001 così come sostituito dall’art. 1, comma 44 della L. 190/2012 recante “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella Pubblica Amministrazione”, integra e specifica il Codice di comportamento dei dipendenti pubblici di cui al DPR n. 62/2013. Inoltre, tutto il personale in servizio è tenuto a conoscere le novità in materia di procedimento disciplinare apportate dal D.lgs. 75/2017: tali novità sono descritte poco sotto e sono contenute nei relativi allegati alla presente circolare.

Si evidenzia che le norme contenute nel Codice si applicano a tutto il personale dipendente ed in servizio presso il MIUR (Amministrazione centrale e periferica), ivi compreso quello con qualifica dirigenziale, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e determinato, a tempo pieno e tempo parziale, nonché al personale in posizione di comando, distacco o fuori ruolo. I doveri di comportamento e gli obblighi di condotta del Codice si applicano, altresì, ai collaboratori o consulenti con qualsiasi tipologia di contratto o incarico a qualsiasi titolo, ai titolari di organi e incarichi negli uffici di diretta collaborazione del Ministro; ai dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo di imprese e ditte fornitrici di beni o servizi in favore dell’amministrazione e che svolgano la propria attività all’interno del Ministero o presso gli USR.

La violazione degli obblighi previsti dal Codice integra comportamenti contrari ai doveri d’ufficio ed è fonte di responsabilità disciplinare nonché, nei casi previsti, di responsabilità penale, civile, amministrativa o contabile. Infine, si fa presente che il D.Lgs. 25 maggio 2017, n. 75, entrato in vigore il 22 giugno 2017, ha innovato profondamente la materia dei procedimenti disciplinari nel Pubblico Impiego: di particolare rilievo risultano essere:

  • i nuovi termini del procedimento disciplinare;
  • l’espressa previsione della competenza dei Dirigenti Scolastici nell’irrogazione di sanzioni fino alla sospensione per 10 giorni;
  • doverosità delle comunicazioni all’Ispettorato per la funzione pubblica, con un esplicito richiamo legislativo.

Da ultimo, a seguito delle novelle introdotte dalle disposizioni contenute nel C.C.N.L. comparto Istruzione e Ricerca, sottoscritto in via definitiva il 19.04.2018, in applicazione del principio espresso dall’art. 55, comma 2, ultimo periodo del D. lgs. 165/2001 e dell’art. 13 commi 11 e 12 del C.C.N.L. 19.04.2018, si comunica che si procede a rendere pubblico il nuovo CODICE DISCIPLINARE, che è depositato sul sito web istituzionale della scuola nonché nella sezione Amministrazione Trasparente del medesimo sito.

La pubblicazione in parola equivale ad ogni effetto alla affissione all’albo delle sedi di lavoro.

Codice di comportamento dei dipendenti del MIUR

Codice_disciplinare_ATA_nuovo_CCNL_Scuola_2018

Codice_disciplinare_docenti




Link vai su